Alabama Monroe, il nudo amore è aspro e intenso

“Il tuo corpo era mio cent’anni prima di appartenerti, ti ho salvato molte volte in altre vite, ho stritolato il tuo cuore e nessuno potrà restituirgli la forma originaria […] eravamo una cosa sola, tanto che nessuno potrà stare con te senza avere anche un po’ di me”. Se C’era una volta l’amore ma ho dovuto ammazzarlo, il romanzo da cui è tratto il virgolettato, fosse un film, non potrebbe essere che Alabama Monroe (titolo originale: The Broken Circle Breakdown), del regista fiammingo Felix Van Groeningen. La pellicola, in sala in questi giorni, annovera nel cast Veerle Baetens, Johan Heldenbergh, Nell Cattrysse, Geert Van Rampelberg e Nils De Caster.

Cosa hanno in comune Elise (Veerle Baetens) e Didier (Johan Heldenbergh)? Per entrambi, il corpo assume un ruolo fondamentale, nel lavoro come nella vita. La prima infatti è una tatuatrice, che ha trasformato la propria pelle nella mappa geografica dei suoi sentimenti; il secondo, invece, è un cantante di musica bluegrass che suona il banjo in un gruppo belga.

Alabama Monroe, l’amore non è mai una storia semplice

La passione tra i due divampa immediata e totalizzante, rivelandosi sorprendentemente solida e duratura. Così, la nascita di Maybelle (Nell Cattrysse) sembra alimentare ulteriormente il fuoco che li unisce. Ma il caso, come spesso accade, rimescola improvvisamente le carte in tavola, assestando un duro colpo a quelle che Elise e Didier pensavano essere certezze e priorità condivise. E La coppia, che ha assaporato il picco del piacere prima e l’apice della felicità poi, fa i conti adesso con un dolore che strappa le viscere, costringendo i due a sperimentare un’assordante disperazione.

continua a leggere qui 

Alabama Monroe, l'amore non è mai una storia semplice

6 Comments

on “Alabama Monroe, il nudo amore è aspro e intenso
6 Comments on “Alabama Monroe, il nudo amore è aspro e intenso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *